Sotto copertura

La prima indagine internazionale sotto copertura, che il (non ancora) profiler di Bugliano ha portato avanti nell’anno 2019: un giorno qualsiasi, la risposta ad una e-mail, e l’esistenza gli è cambiata per sempre…

[a cura di: Adriano]

“Tu hai accettato”, mi aveva detto Raymond Still, durante la notte di Halloween; “Non appena vedrai le due linee sul test la tua conversione sarà completa! Questione di giorni.” Non era uno scherzo, ormai è evidente che ho perso la testa e mi sono fatto iniettare un virus di proposito.

Sono passati pochi giorni da quella sera, e la temperatura ormai sta gradualmente scendendo ma ancora non mi sento in forma. Guardo Tatiana che mi sorride dal letto accanto al mio e vorrei arrabbiarmi, ma devo trattenermi perché essendo lei nata positiva conosce esclusivamente la vita con l’HIV, e io posso solo ignorare le sue congratulazioni raccontandole l’esperienza che mi ha portato qui.

2019: un sogno si avvera

Tutto iniziò il 26 agosto 2019. Mi collegai al sito dell’università IBUOL per avere notizie sul proseguimento del master in criminologia, unica mia ambizione; non avevo alcun interesse per relazioni sessuali o sentimentali! Senonché nella cartella Posta Indesiderata trovai questa, destinata al mio indirizzo e-mail dell’università:

Alla cortese attenzione di Adriano La Scala: cerco esperto di informatica per infiltrarsi in una chat. Operazione sotto copertura di estrema delicatezza, si richiede discrezione e competenza. Un gruppo di persone gioca con la propria salute. Chief Floyd Turnpike, FBI, Chicago.

Chi sarà questo bontempone, impossibile che da Chicago uno venga proprio a Bugliano, l’FBI avrà certamente i suoi esperti lì sul posto! E soprattutto cos’avrei io di così speciale?

Cercando in rete però scoprii che non solo Floyd Turnpike esisteva davvero, ma era pure amico di Bruno Maggio, l’insegnante di legge che mi ha preso in simpatia fin dall’inizio dei miei studi; certamente sarà stato lui a fargli il mio nome sapendo quanto lavorare in America fosse il mio sogno. Così risposi subito, accettando senza riserve di partecipare all’operazione.

Ma quando il mio nuovo supervisore americano mi inviò l’incarico, realizzai che la missione sotto copertura non era affatto semplice: dovevo entrare in una chat di incontri e fingere interesse nelle proposte! Io, sempre stato alla larga dal sesso. Turnpike, hai proprio capito tutto di me!

Passai la notte insonne a rifletterci, il giorno successivo però decisi di andare avanti perché nessuno avrebbe mai potuto nuocermi stando dall’altra parte del globo, e appena entrai nel sito inviatomi sulla mail capii immediatamente perché Floyd Turnpike avesse scelto me. Ero la persona giusta, ma come faceva a sapere certi dettagli che faticavo ad ammettere pure a me stesso?

Fantasia proibita

Lo studio dei profili criminali fa parte del mio lavoro e poche volte metto in campo la mia emotività davanti alla perversione umana; a indignarmi particolarmente però fu un fenomeno, studiato durante il master: quello dei bug chaser. Da ammiratore di Freddie Mercury fin da piccolo, restai traumatizzato quando vidi le immagini del mio idolo malato, come la sua promiscuità e disattenzione l’avessero ridotto e sperai che la faccenda di chi volontariamente trasmette e riceve l’HIV, fosse una storia inventata; coi farmaci attuali si può evitare di contagiare, non può essere che uno arrivi fino a quel punto in nome della libertà sessuale! Malgrado il disgusto però non riuscii a togliermeli dalla testa. La sfrontatezza di quei chaser, vista sui libri dell’università, mi risvegliò una fantasia: chissà, fossi positivo, avrei potere di vita o morte. Darei una lezione a quegli incoscienti, illudendoli di concedere loro il virus, ma prenderei i farmaci per bloccarlo. O potrei rinunciare a curarmi trasmettendo l’infezione a qualcuno abituato a non usare precauzioni, dopo avergli fatto credere che sono non rilevabile!

Provai un’eccitazione mai vissuta prima, e consultai le istruzioni della piattaforma di incontri; non dovevo sbagliare un colpo ora che potevo concretizzare la mia fantasia contando su dei chaser e gifter veri! Turnpike però non era stato chiaro sulla fine della missione: dovevo far bloccare il sito e consentire all’FBI di arrestare tutti, o qualcos’altro?

Adri Chaser

Ripensando ai miei sogni proibiti, indossai i panni del profiler freddo e calcolatore che desideravo diventare. Creai un account “Adri Chaser” e mi scrissi un post-it, che appesi allo schermo del computer come promemoria: “sei sotto copertura, non scordarlo mai!” Appena il profilo virtuale fu pronto, l’algoritmo del sito mi indirizzò immediatamente nella sezione giusta: quella con gli annunci dei Gifter, i donatori di virus, e uno in particolare mi saltò all’occhio:

Raymond Still, scienziato ricercatore. Ho avviato una sperimentazione sull’HIV. Isolando e modificando il virus di Freddie Mercury, sono intenzionato a far rivivere la leggenda del rock: l’HIV da me coltivato, trasmettendosi, diffonderà il talento di Freddie. Cerco bug chaser sincero, disposto a testare il mio lavoro possibilmente diventando un gifter. La sede della ricerca è presso l’università di Bugliano, laboratorio di scienze.

Pazzesco, non solo Still era il mio insegnante di scienze, ma aveva pure fra le mani il presunto DNA del mio idolo musicale! Abbiamo chattato per tutto il 2019 e 2020 in merito, ma nonostante la mia insistenza non volle mai che ne parlassimo di persona mentre facevamo lezione, né durante i momenti conviviali; fu solo con l’arrivo di Tatiana a inizio 2021 che iniziò a chiedermi un incontro dal vivo, a cui io non ero ancora pronto!

Fino alla drammatica notizia del suo tumore, che l’ha costretto a velocizzare il tutto, cogliendo l’opportunità del 14 ottobre per praticarmi quell’iniezione su cui ho avuto dubbi fino all’ultimo.

2021: super poteri?

E adesso sono qui, a inizio novembre 2021, arrabbiato col mondo e con la mia scelta ma allo stesso tempo mi sento come se avessi i super poteri. Avrei voglia di provarci con Tatiana che sta qui accanto a me, e con tutte le altre donne del #CampusIbuol!

Raymond Still in questo momento è qui nella mia stanza, malgrado le sue condizioni di salute e dice di avere ancora molto da spiegarmi. Dovrei fare il test a giorni, vedremo cosa succederà!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: