Backstage: interazione lettura e musica

Tempo di lettura: 2 minuti

Per ridere un po’: abbiamo deciso di rendere pubbliche alcune delle stupidaggini che fra noi ci diciamo in privato (voce o chat che sia). Solo per gli amanti del gossip…

No, scherziamo. Per i curiosi che vogliono sapere come ci vengono certe idee sui racconti.


Il backstage di Maurizio Tarocchi

Perché abbiamo pubblicato l’episodio 3 di Maurizio Tarocchi il venerdì 29 settembre e non il due o il quattro ottobre?

Entrambi sappiamo di essere impegnati martedì 3, salute permettendo per uno di noi; ma venerdì 29 c’è stata la chat che ha accelerato i tempi.

Perché abbiamo proprio scelto un racconto di Camilleri e un brano specifico dei Pet Shop Boys? Alcune circostanze si sono verificate insieme, giocando a nostro favore.

Backstage: interazione lettura e musica

La lettura è una nostra passione comune, la musica anche, e tutto sommato entrambi abbiamo gli stessi gusti perciò è abitudine condividere quello che leggiamo e ascoltiamo.

Il contesto del backstage, è una situazione dove uno di noi stava affrontando un fastidioso guaio di salute, l’altra stava leggendo un libro prima di andare in ufficio.

La scena è stata parecchio comica, in quanto non essendo una coppia né abitando nella stessa casa, è difficile sapere in tempo reale cosa stiamo facendo. Immaginiamo le abitudini uno dell’altra perché siamo abbastanza fedeli agli orari, ma nulla più.


  • <Elettrona> Buongiorno Gifter ☣️
  • <Gifter> sì, il cazzo 🤬
  • OK ho capito ancora non stai bene.
  • What have I done to deserve this? Canzone giusta. Ancora su e giù per il bagno. Tu? Come stai?
  • Solito! Lettura pre-ufficio.
  • Beata te! Cosa leggi?
  • Camilleri. Un mese con Montalbano, continuo i racconti sono al 5. Li trovi su Storytel se vuoi leggere in cesso.
  • Ah va bene lo so ma non ricordo la storia.
  • Si chiama amore. E Montalbano indaga sulla scomparsa di una donna; poi scopre che lei s’è ammazzata nelle braccia dell’amato.
  • Oh terribile! Allora giocaci scrivici su. Canzone dei pet shop boys più camilleri.
  • Magari Maurizio Tarocchi con Adri e Lidia. Ci penso.
  • Adriano e lidia prando —> i danni dopo la diarrea.
  • Gifter sei sempre tu! Hai ancora la forza di farmi le burle con gli anagrammi.
  • La testa funziona ma è il culo che… Per gli enigmi devo tenere allenato l’HIV!
  • Chissà perché in bagno ti deve partire la canzone dei pet shop boys! Complotto! Adesso mi è venuta l’idea da scrivere ma te la dico dopo.
  • Mi lasci sulle spine è così che tratti gli amici?
  • Tira lo sciacquone prima, perché sennò rischiamo che la mia idea finisca in cesso in mezzo alla 💩

—Fine—

L’episodio 3 di Maurizio Tarocchi, è nato così. Ma il cognome di Lidia, Prando, arriva da un altro anagramma che forma una specie di cognome veneto però non ci sbilanciamo di più perché si vedrà più avanti nella storia di Tarocchi, e backstage non vuol dire mica spoiler!

Abbiamo tagliato via la serie di emoji che di solito ci mandiamo, pubblicare i backstage non vuol dire spiattellare al mondo codici e strategie della nostra amicizia. Non ci chiamiamo Ferragnez noi, anzi facciamo loro il verso.

2 commenti su “Backstage: interazione lettura e musica”

Rispondi