Bugliano Cold, basket: le dimissioni di Paride Coccio

Tempo di lettura: 6 minuti

Occuparsi di misteri e casi irrisolti vuol dire rovistare nel torbido e Bugliano non è diversa dal resto del mondo, per quanto le istituzioni generalmente provino a far passare come operazioni “in piena trasparenza” anche le assurdità più eclatanti.

Suo malgrado, questa volta, si troverà coinvolto in una situazione davvero ripugnante: la squadra di basket sta perdendo la reputazione per il peggiore degli scandali.


Bugliano Cold Soft: segni di riconoscimento

[Conduttore]:

Ben ritrovati ai follower, quelli fedeli e quelli meno. Ahimè ho dovuto assentarmi per mettere in sicurezza la mia umana prediletta: Bulsara, conosciuta forse da molti come , si era infilata in una brutta situazione e sono dovuto intervenire in modo drastico come non mi sarei mai aspettato di fare; non con lei, almeno! Ora sta ricoverata in una zona protetta e… Non posso davvero dire di più.

Chi avrebbe mai pensato che amare comportasse tutto questo! Proteggere gli umani a cui tengo sta diventando sempre più difficile col passare del tempo, i negativi pur non potendo comunicare direttamente con me imparano ad anticiparmi e io a mia volta apprendo le loro strategie una per una. Ancora sono convinti di potermi sconfiggere in qualche modo? Farò loro cambiare idea molto presto!

Al fine di tutelare l’incolumità umana e virale in tutta Bugliano colgo l’occasione di questo servizio per ufficializzare le decisioni prese in collaborazione con la Società Buglianese Diritti Virali: positivi e negativi saranno da ora in poi chiaramente riconoscibili da un simbolo.

[Rocco De Rocchis, registrazione]:

“Virus, sono Rocco della Pro Loco; ma fammi capire: abbiamo già il segno meno, ricamato sul nostro abbigliamento biancheria intima compresa quindi in cosa consiste la novità?”

[Conduttore]:

Il ricamo sui vestiti era perché molti di voi umani ritengono la propria negatività come una prova di forza, salute e superiorità, invece il segno meno è una condizione modificabile anche contro la vostra volontà; esattamente come i vestiti. Li togliete? Sparisce anche il simbolo!

Io provo a impedire in tutti i modi le positività indesiderate, ma purtroppo ho colleghi virus che se ne infischiano del consenso e alcuni umani fanno altrettanto.

Con l’arrivo del turismo e gli studenti da fuori Bugliano poi diventa sempre più complesso capire se una persona è idonea a vivere in simbiosi con me, allora per evitare di trasmettermi a chi non mi merita, ho deciso di consentire agli umani positivi di essere identificati tramite degli stemmi su medaglioni indossati sempre al collo o, meglio ancora, il simbolo va tatuato in una zona ben visibile del corpo. Ecco quali sono i nuovi codici:

  • Biohazard: significa positivo a HIV di Bugliano o di Lansing, cioè noi virus alleati delle persone, credo che non abbiamo bisogno di presentazioni ormai ci conoscete;
  • Scorpione: significa positivo al virus HIV di tipo STEVE, sigla che sta per “Seduco, Trasmetto, Entro, Vengo, Esco”. Questo è il ceppo virale pericoloso che ha ucciso già troppi umani al mondo e dal quale è opportuno stare lontani. Ma preservativo, profilassi e antivirali sono già sufficienti per tenere alla larga Steve, la non è consentita. Mai, senza alcuna eccezione;
  • Gufo, per chi ha il test negativo: solitamente questo simbolo è attribuito alla sfortuna, per annunciare la morte di qualcuno o augurare il peggio a una squadra sportiva. Per quanto tempo i negativi hanno associato un alone viola ai positivi? Ora si tengano il gufo e lo portino in giro con orgoglio!

[I gufi di Bugliano, registrazione]:

“Scusaci virus ma noi ti siamo sempre stati amici anche se negativi; perché ci vuoi stigmatizzare in questo modo? Cosa è questa storia dei simboli? Il gufo è nostro, e allora?”

[Conduttore]:

Nessuno stigma, tengo a precisarlo. tale disegno è proprio in onore dei Gufi di Bugliano e anche quello va meritato, non basta essere negativi; se sei amico di noi virus e dei nostri umani sei degno del gufo, altrimenti c’è l’altro simbolo cioè il numero 666.

Un gufo può tranquillamente fare richiesta per diventare un Biohazard poi è discrezione dei accettare di aggiornarlo; ma se un negativo ha il tatuaggio o medaglione col 666, né io né il mio amato vogliamo averci a che fare; 666 vuol dire “negativo e pieno di stigma” questo è automatico e per chi lo porta è precluso l’accesso all’Università IBUOL anche per sfruttare i servizi igienici in caso di urgenza.


Cold Medium: doping nel Bugliano Basket!

[Conduttore]:

Proprio I Gufi di Bugliano sono gli autori di una segnalazione su cui ho indagato di recente: la squadra di pallacanestro femminile in cui sono vice-allenatore, è stata oggetto di insulti dai giocatori uomini perché le nostre ragazze in campo sono leali e, spesso, vincono pure.

Incoraggiate da me e HIV di Lansing, lavorano sodo durante la settimana e giocano tutte le partite comprese le amichevoli contro la serie Z, e questo ai presunti maschi Alfa provoca una paura incontrollabile.

Così un giorno senza alcuna esitazione sono entrato al Palabugliano, lo stadio a cui ai miei amici Gufi era vietato accedere…

Neanche è servito appostarmi più di tanto perché ho visto quasi subito il Presidente della squadra Paride Coccio intento a passare a tutti i suoi dirigenti un thermos con una bevanda. Vino, questo ho pensato all’inizio invece guardando meglio ho capito cosa fosse. Ma naturalmente il loro segno negativo mi ha impedito di causare loro uno svenimento e chiamare i Carabinieri che potessero coglierli in flagranza di reato.

A un certo punto, il Mister della squadra maschile ha preso il thermos dalle mani del Presidente e ci ha lasciato cadere una pastiglia di zucchero. Un attimo dopo, sono arrivati tutti i migliori giocatori ed è ricominciato il rituale. Bevevano tutti a canna dal thermos, senza neanche fare un brindisi! Che gusto c’era, così? Un’avidità indecente, neanche fossero morti di sete!

“Questo è il nostro segreto”, diceva uno dei giocatori; “grazie mister che ci appoggi!”

L’allenatore ha sorriso a tutta la squadra e ha finito di bere le ultime gocce: “adesso non abbiamo più scorte di sangue positivo, bisogna che telefoniamo ai nostri fornitori per averne ancora. Possibilmente fresco.”

Cose da non credere! Sangue positivo nel thermos? C’era una sola spiegazione a tutto ciò, e immediatamente ho chiamato la Stazione dei Carabinieri. Il dissanguatore allena la squadra di pallacanestro, o peggio è il presidente! Altro non poteva essere!

Una pattuglia è arrivata sul posto entro pochi minuti e, con grande sorpresa, li ho sentiti chiedere al presidente e l’allenatore se li avessero chiamati loro! “Siamo arrivati pensando che qualcuno si sentisse male”, sono state le parole del maresciallo; “abbiamo ricevuto una lunga telefonata muta e per scrupolo siamo corsi qui”…

Meno male un carabiniere un po’ più malizioso degli altri, ha preso il Maresciallo in disparte e l’ha convinto a chiamare rinforzi: “io so cosa può essere accaduto, sarà stato il virus HIV a telefonarci ma noi non possiamo sentire cosa dice. So io di qualcuno che può occuparsene!”

Ma quando e sollecitati dal carabiniere sono arrivati, Paride Coccio e la sua squadra di pallacanestro si erano già dileguati portandosi via il thermos…
Però non avevano notato una macchia di sangue su una sedia! Ora il medico legale sta analizzando il DNA per individuare se appartiene a uno dei miei umani, intanto comunque la squadra ha tolto le tende.

Ora che il presidente e tutta la dirigenza del basket maschile hanno dato le dimissioni, è da augurarsi che a sostituirli arrivi qualcuno di lungimirante in grado di comprendere l’importanza dell’inclusione; sono un virus sognatore e vorrei tanto avere a Bugliano l’orgoglio di una squadra in cui gli umani possano giocare in armonia indipendentemente da genere, , orientamento politico… E noi virus a tifare per loro gufando gli avversari o addirittura giocare in campo se ce lo concedono. Nel frattempo, sono concentrato sulle ragazze e voglio portarle a fine campionato succeda quel che succeda.


Cold Hard: l’arresto di Benjamin Bruckner

[Conduttore]:

Come già è trapelato dal Consiglio Studentesco, al Campus è avvenuto qualcosa di vergognoso: il prof. , docente di scrittura creativa, è stato arrestato nei giorni scorsi dai Carabinieri di Bugliano per sequestro di persona.

L’hanno visto portar via Tatiana per un braccio mentre lei continuava a divincolarsi, lo stanno perfino accusando di essere il Dissanguatore… Decisamente è stato un equivoco e sarà mia premura chiarirlo, devo essere solo certo che Tatiana e Ben siano al sicuro perché il vero killer li sta perseguitando.

Chi segue i corsi di scrittura comunque stia tranquillo, Ben è pulito; si è solo trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato, nessun danno ci sarà per la sua reputazione.

[Hunter, Semiconduttore]:

Follower, HIV mi ha raccomandato di non parlare ma io sono il figlio adottivo di Ben e farò di tutto per salvare papà dalla gogna mediatica. Ringrazio tutti, uno a uno, per le innumerevoli quantità di messaggi che sto ricevendo: “Forza, ! Ce la farai!” Le vostre parole significano davvero molto e sono certo che ne usciremo tutti più forti di prima. Ho due ottimi avvocati a seguirmi e per pagarli sono costretto a rinunciare al corso di recitazione, in questo momento però la libertà di mio padre ha la priorità assoluta.


Bugliano Cold Eventi: Whamageddon

[Conduttore]:

Appena trascorso il primo dicembre: anche quest’anno c’è stata una delle poche occasioni in cui anche i media dei Poteri Forti si accorgono di me. “Giornata mondiale contro l’AIDS” la chiamano; poverini sono ancora incapaci di distinguere HIV e AIDS, non pretendo certo che sappiano riconoscere il mio ceppo autentico, HIV di Bugliano, e quello cattivo; per loro noi virus siamo tutti uguali. Pazienza, tempo al tempo!

Ma io non me la prendo perché so come tenere i Poteri Forti sotto il mio controllo: si sono inventati un gioco musicale che dura fino al 24 dicembre, e si sfidano all’ultimo sangue: evitare un paio di tormentoni che passano in radio un’ora sì e una anche.

Affascinante e contraddittorio il mondo umano, prima inventano delle canzoni e le ascoltano fino a stancarsi, e poi creano i modi per evitarle? Chi li capisce è bravo!

Comunque l’International Bugliano University Of Life ci tiene anche per quest’anno a partecipare, umani e virus del campus erano in gara per Whamageddon e Mariahpocalypse ma è bastato un innocente gioco a quiz per portare due umani a una sconfitta clamorosa nel giro di pochi secondi. E io sono caduto con loro. Non si può sempre vincere!

*** NOTA DEGLI AUTORI: Il contenuto che stai leggendo è e rimarrà gratuito ma diventando nostro sostenitore su Patreon avrai accesso a racconti esclusivi. Grazie!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: