Bugliano Cold: il campus in via Nureyev

Tempo di lettura: 4 minuti

Episodio speciale dedicato ai lavori del Campus. In via eccezionale non sarà a condurre, ma e . Come se la caveranno?


Bugliano Cold: provvisorio cambio della guardia

[HIV di Bugliano, registrazione]:

“Buongiorno follower! Pensavate di esservi liberati di me? Nulla di più sbagliato: sto seguendo i lavori per il nuovo Campus e non sono in grado di star dietro a tutto. Sono HIV di Bugliano, il virus coi super poteri, è vero che ho milioni di copie in giro per il mondo ma se sono impegnato io anche gli altri virus lo sono di conseguenza, la situazione è delicata perciò spero che i miei amici umani e non, possano raccontare nei particolari quanto sta accadendo. Hunter e ChaserNucleus sono perfettamente all’altezza dell’incarico temporaneo che ho affidato loro! Noi ci risentiremo presto!”

[ChaserNucleus, conduttore pro-tempore]:

Cosa dire? Sono commosso, ma questa è la dimostrazione di come Bugliano Cold sia forse l’unico servizio di informazione al mondo veramente inclusivo. Dove trovate un altro giornale, programma tv o radio in cui umani, alieni e virus possano trasmettere (doppio senso voluto) insieme come se le diversità fra loro non esistessero?

Allora è opportuno spiegare quanto succede in via Gagarin e via Nureyev, io e Hunter abbiamo visto tutto in prima persona.

Negli ultimi giorni sono corse voci secondo le quali il Campus di Via Gagarin sarà dismesso a causa della radioattività. Nulla di più falso! Il livello non ha mai superato il limite! Certo io sono l’ultimo a poter parlare poiché le radiazioni sono la base della mia alimentazione, ma a forza di pressioni una coalizione di docenti incazzati voleva buttarmi fuori dal Campus e spedirmi nuovamente su Marte per capire se il livello sarebbe sceso.

Alla fine però ho pensato io a sistemare tutto: ho configurato il sistema di rilevazione della radioattività affinché l’allarme suonasse in presenza di una quantità molto più alta rispetto a quella indicata dal rettore! Cosa devo fare, Umberto Ganni oltre a essere omofobo e sierofobico è anche atomofobo. E ci tocca tenercelo così.

[Hunter, semiconduttore]:

C’è voluta una rivoluzione perché HIV mi lasciasse parlare! Io sono il suo umano, dice, poi quando cerco di esprimermi vuole sempre avere lui l’ultima parola ma alla fine siamo arrivati al compromesso: lui è il conduttore, io il semiconduttore!

Ho dovuto superare un esame di ortografia, grammatica e verifica delle fonti per essere accettato nel Bugliano Cold, quando invece i giornali dei Poteri Forti sono pieni di figure poco raccomandabili che riempiono il mondo di notizie false perché sono evidentemente pagati per scrivere stupidaggini. Enorme ingiustizia!

E giusto per precisazione, devo correggere il mio collega e partner ChaserNucleus: lui ha dato dell'”atomofobico” a Umberto Ganni perché ha paura delle radiazioni, ma la parola giusta casomai è atomosofobico.

[Umberto Ganni, registrazione]:

“Chiariamoci subito: è la prima e l’ultima volta che partecipo a questa farsa sedicente servizio informativo ma tengo a precisare che io non sono atomofobico o atomosofobico come dite voi, io ho solo a cuore la salute di studenti e professori. Quindi se nel campus di via Gagarin non ci devono essere radiazioni, sono io a deciderlo perché ho avuto io in gestione la struttura e ne sono l’unico responsabile! Ogni locale va sgomberato e sanificato, non si discute!”


Campus di Via Gagarin inagibile?

[ChaserNucleus, conduttore]:

Voglio smentire su tutta la linea quanto affermato dai perditempo nei social: gli alloggi di via Gagarin non sono inagibili, se ci sono state delle radiazioni in cucina è solo perché io mi stavo preparando il pranzo. Poi adesso cosa volete, abbiamo inaugurato il Bugliano Salad quindi se proprio vi fa paura quel che si cucina al Campus, andate lì e non prendetevela con noi.

Sala break, stanze da letto, bagni e lavanderia sono perfettamente agibili! Per il centro benessere e la piscina non c’è molto da fare, lì i Gufi di Bugliano tengono l’allevamento dei coccodrilli per cui l’unico modo di andarsi a fare una sauna o un bagno è sfruttare Meraviglie dello Spirito, il centro benessere convenzionato con la IBUOL.


Lavori in via Nureyev

[Hunter, semiconduttore]:

Come già annunciato durante la riunione straordinaria del consiglio studentesco, la chiusura del Campus di via Gagarin era nell’aria da tempo. E anche se nessuno per ora ha voluto concretizzare il progetto di olistica e stregoneria, abbiamo dovuto sloggiare tutti. Non il 31 agosto ma l’11 settembre e, dopo l’inaugurazione del locale, stiamo tutti dormendo al Bugliano Salad sui tavoli o dentro sacchi a pelo provvisori.

In realtà dormiamo tutti pochissimo perché stiamo seguendo i lavori in via Nureyev, nel vecchio hotel che presto cambierà nome da Vladimir a Rudy, in onore allo stesso ballerino che dà il nome alla via.

[ChaserNucleus, conduttore]:

Tutto sommato non c’è da fare molto nell’hotel, è sufficientemente pulito e i lavori in questione servono solo per installare i sistemi di sicurezza già conosciuti all’interno del campus, compresi i distributori automatici a cui si accede solo tramite virus.

Anton Sokolov, il proprietario della struttura, si è mostrato molto disponibile e abbiamo implementato insieme una sala da pranzo apposta per chi si alimenta tradizionalmente e chi necessita delle radiazioni come il sottoscritto. Non possiamo rivelare molto sui nuovi sistemi di sicurezza, per ovvie ragioni; ma io già mi sono appropriato della stanza con vista sulla centrale nucleare! Così basta un lenzuolo e, se ho bisogno anche di notte, scendo.

La stanza che dà sulla palude invece è di Hunter perché Anton non vuole vederci insieme.

[Anton Sokolov, registrazione]:

“Sono il proprietario dell’Hotel Rudy ex Hotel Vladimir, e ho tutto il diritto di stabilire chi deve alloggiare dove. Ho fatto una gran fatica ad accettare il cambio di nome ma per motivi politici non voglio discutere. A patto però che lo scorpione non dorma insieme a Nuclear. Devo proteggere una persona a me vicina da qualunque pericolo!”

[Hunter, semiconduttore]:

Avete capito follower, siete testimoni: il signor Sokolov oltre alla è pieno di aracnofobia. Paura di ragni e scorpioni, ma chi glielo spiega, il mio tatuaggio scorpione è innocuo! Io nulla ho a che vedere col virus antagonista, sono un biohazard come tutti gli altri!

2 commenti su “Bugliano Cold: il campus in via Nureyev”

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: