Italiano
English

Bugliano: nutrie fuggite distruggono lo stadio

Aggiornato il:

Da:

A Bugliano le nutrie sono ormai diventate un simbolo: oltre ai piatti tipici non si contano i gadget, i capi di abbigliamento, e perfino le feste a tema.

Eppure quando causano incidenti, viene sempre da augurare a questi poveri animali una maledizione dietro l’altra. Anche se la colpa di eventuali danni, non è mai tutta loro.

Il giornale di Bugliano, in collaborazione col Consiglio Studentesco IBUOL, sta seguendo con apprensione il caso.

Di: Consiglio Studentesco IBUOL


Nutrie al Campus

Se n’è accorto Freddie uscendo come ogni mattina al sorgere del sole: nel piazzale adibito a parcheggio, si vedevano alcune deiezioni e impronte di nutria. Ogni tanto c’è qualche pazzo che considera le nutrie come i cani e se ne porta a casa una, salvo poi non raccogliere le feci quando la conduce al guinzaglio; però così tanto sporco non si era mai visto! Inutile prendersi in giro, qualcuno aveva sicuramente aperto le gabbie di un allevamento. C’era solo da capire chi fosse!

Confidando nell’amore di Freddie per gli animali abbiamo lasciato che provvedesse lui a seguire le tracce, fortunatamente aveva piovuto e le orme delle zampe erano ben visibili nel fango. Grande è stata la sorpresa quando ha scoperto che le impronte portavano dritte allo stadio!

Danni al Pala Bugliano

Dalle tribune, agli spalti, ovunque: la squadra di pallacanestro al completo, incluso l’allenatore, si impegnava a raccogliere deiezioni con sacchetti, paletta e igienizzante per pavimenti.

“Giornata di merda”, si lamentava qualcuno; “se il buongiorno inizia così…”

Freddie ci ha detto di essersi avvicinato all’allenatore e, come è abituato da sempre, averlo salutato con cortesia: “Buongiorno!”

“Buongiorno un corno”, era stata la risposta. “Sapessi i danni che hanno fatto qua dentro! Hanno distrutto lo stadio!”

Gli animali non hanno colpa!

Il Mister s’è alterato appena Freddie gli ha ribadito che le nutrie non decidono autonomamente di rovinare il parquet con le unghie e i denti, nonché di defecare ovunque; “perché tu hai i soldi e non ti tocca pulire la merda altrui”, ha continuato a giustificarsi e Freddie avrebbe voluto pagare i danni in prima persona.

Non abbiamo avuto altre informazioni su quanto l’allenatore abbia poi raccontato a Freddie, anche perché noi come consiglio studentesco abbiamo già le nostre e non vogliamo farci coinvolgere da certi lavori scomodi; semmai lo faccia il Comune di Bugliano se crede!

Comunque ci è stata recapitata una lettera dai Gufi di Bugliano, il bar sport dove di solito si guardano le partite di calcio e pallacanestro: a dimenticare il recinto aperto è stato un certo Pino.

Non sappiamo minimamente chi sia, a Bugliano però sono un paio gli allevamenti di nutrie gestiti da qualcuno che si chiama Giuseppe. O la va, o la spacca!

Notizia arrivata in tempo reale: c’è l’agente Floyd Turnpike in parcheggio insieme a Freddie, stanno catturando ben sei nutrie che stavano accoppiandosi giusto fuori dal Campus IBUOL.

Gli animali sembrano confidenti, e contiamo presto di averli nei frigoriferi della Bugliano Salad, poiché presto ci sarà l’inaugurazione!


Ultima modifica:


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Le storie ambientate nel “Mondo Positivo” sono opere di pura fantasia e non rappresentano fatti o persone reali. Gli autori, attivi da tempo nella lotta a HIV e AIDS, utilizzano queste narrazioni per contrastare lo stigma legato all’infezione.

Si sottolinea che tali racconti non incoraggiano comportamenti dannosi per la salute ma la finalità è sensibilizzare sulla prevenzione educando al rispetto per le persone che vivono con l’HIV.


Mondo positivo: sezioni


Newsletter (italiano/inglese)


Social Network Decentralizzato (Italiano/Inglese)

Nessuna conoscenza del Fediverso? Seguici tramite il feed RSS globale..


Social decentralizzato in italiano

Nessuna conoscenza del Fediverso? Seguici tramite il feed RSS italiano.

Scopri di più da PlusBrothers

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading