PlusBrothers: cosa facciamo

Cosa facciamo

Siamo due amici conosciutisi via Internet, Elena e Alessandro, alias Elettrona e Gifter. Con questo blog vogliamo unire la passione per la scrittura e i thriller, con una causa che ci sta a cuore.

In teoria le nostre condizioni sensoriali e fisiche non dovrebbero essere determinanti per la nostra attività ma siccome il mondo spesso e volentieri non la pensa così, aggiungiamo il dettaglio: siamo rispettivamente una donna eterosessuale, non vedente, HIV negativa e un uomo gay, vedente, HIV positivo.

In poche parole, ci riteniamo l’elettrone e il protone di uno stesso atomo: il polo negativo si occupa della parte tecnica e l’allestimento della piattaforma on line oltre ad aver ideato le trame principali, il polo positivo non avendo competenze tecniche sulla creazione di siti web, approva o disapprova i contenuti eliminando il più possibile eventuali stereotipi ed errori sul tema HIV perché fantasia sì, esagerazioni sì, ma i cliché sarebbe meglio evitarli.

Più stima, meno stigma

L’obiettivo di questa realtà web e relativa pagina Facebook è raccontare e combattere lo stigma sociale ai danni delle persone con HIV, creando un punto di vista sierocoinvolto e “sierocapovolto”: in medicina “positivo è male e negativo è bene”, mentre nella comunità di fantasia PlusBrothers accade il contrario.

Il mondo reale è pieno di ignoranza sul tema, tanto che 6 italiani su 10 non vorrebbero un collega con l’HIV e noi abbiamo creato il Mondo Positivo nel quale a subire l’emarginazione è chi, non avendo il virus, porta con sé l’energia NEGATIVA.

Essendo privi di competenze mediche o psicologiche lasciamo i discorsi più impegnativi a chi ha adeguata esperienza sul campo, noi proviamo a contribuire con le nostre possibilità: l’ironia e la voglia di divertirci ma, se altre pagine ambientate come noi nella fantomatica Bugliano vengono definite “troll a fin di bene”, la nostra intenzione non è provocare quindi non chiamateci troll!

L’ispirazione

L’idea iniziale è nata dopo aver appreso di alcune persone che vorrebbero contrarre intenzionalmente l’HIV, si chiamano bug chaser ed è una sottocultura molto isolata prevalentemente gay. Ma abbiamo iniziato a scrivere i racconti dopo aver visto un video in cui Red Ronnie insinua che Freddie Mercury abbia avuto rapporti non protetti pur consapevole di essere positivo all’HIV.

Non valeva la pena arrabbiarci con un individuo che cerca la visibilità pigliandosela con chi non può più difendersi, allora ci siamo inventati Zach Nolan: insinui che Freddie abbia dato in giro il virus? Benissimo, noi creiamo un mondo in cui trasmettere è un dovere civile.

Un po’ seri, un po’ no

Anche se il nostro virus HIV di Bugliano è un alleato degli umani, sfruttiamo i racconti di fantasia per dare informazioni su quello cattivo e reale poiché l’ignoranza è talmente diffusa che persino molti medici e dentisti rifiutano di assistere persone con HIV malgrado i progressi scientifici abbiano fatto enormi passi avanti e gli operatori sanitari dovrebbero essere i primi a smontare i pregiudizi ancora radicati e risalenti alla società anni 80.


Notizie dal mondo reale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: