Italiano
English

Halloween: il diavolo entra in chat

Aggiornato il:

Da:

Che esista o meno, il diavolo è fra i protagonisti di Halloween e insieme a streghe o vampiri spaventa il mondo intero. Ma quando compare in chat, è difficile capire se è una burla o qualcos’altro.

Di: Alison Grant


Halloween, il diavolo entra in chat

BUGLIANO, 31 ottobre 2021.

“Con la vostra energia positiva placherò la mia sete e voi finalmente sarete utili al mondo.”

Questo è il messaggio, firmato con lo pseudonimo Sa6Ta6Na6, arrivato sugli smartphone di alcuni studenti dell’università IBUOL che hanno deciso di restare anonimi.

Nessuno ha voluto allertare la polizia per il momento; l’ipotesi più accreditata è che ChaserGloria, receptionist della centrale nucleare buglianese, si stia divertendo a confezionare una burla di Halloween. Quale occasione più ghiotta di questa per dare il meglio di sé con le sue leggende e storie di fantasia?

Eppure lei nega, consapevole della propria avversione per l’informatica e la tecnologia in generale. Ancora con un telefono cellulare del 2001, questa ragazza non sa usare WhatsApp né altre applicazioni di messaggistica e noi in redazione ne siamo perfettamente coscienti.

Di parere opposto è invece Raymond Still, scienziato e ricercatore di fama internazionale che da Chicago ha fatto conoscere le proprie scoperte sul virus HIV fin qui a Bugliano, tanto da aver ottenuto un ruolo di docente in IBUOL pur non avendo inizialmente passato l’esame di lingua italiana.

Il professore, infatti, sostiene che i messaggi di Sa6Ta6Na6 non vadano presi alla leggera in quanto il presunto mitomane dissanguatore che negli Stati uniti ha già ucciso rimanendo impunito, sta approfittando di Halloween per passare inosservato e colpire la popolazione buglianese positiva all’HIV.

“Inviterei tutti i positivi buglianesi a rimanere in casa e soprattutto non parlare del proprio status ad amici, famiglia o partner”, ha dichiarato Still senza mezzi termini; “palesare il proprio virus è il modo per finire dritti nelle mani del dissanguatore.”

In redazione ci teniamo a divulgare questa informazione per quanto non crediamo alle parole del docente, ma sapendo che gli resta poco da vivere il dubbio è legittimo: per quale motivo un insegnante colpito da una grave malattia dovrebbe mentire all’università che l’ha accolto? Per dovere di cronaca, informeremo su qualsiasi sviluppo della vicenda.


Ultima modifica:


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

DISCLAIMER

Le storie ambientate nel “Mondo Positivo” sono opere di pura fantasia e non rappresentano fatti o persone reali. Gli autori, attivi da tempo nella lotta a HIV e AIDS, utilizzano queste narrazioni per contrastare lo stigma legato all’infezione.

Si sottolinea che tali racconti non incoraggiano comportamenti dannosi per la salute ma la finalità è sensibilizzare sulla prevenzione educando al rispetto per le persone che vivono con l’HIV.


Mondo positivo: sezioni


Newsletter (italiano/inglese)


Social Network Decentralizzato (Italiano/Inglese)

Nessuna conoscenza del Fediverso? Seguici tramite il feed RSS globale..


Social decentralizzato in italiano

Nessuna conoscenza del Fediverso? Seguici tramite il feed RSS italiano.

Scopri di più da PlusBrothers

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading