In fondo al mar

Tempo di lettura: < 1 minuto

Per quanto riguarda la Sirenetta Positiva c’era un piano preciso, che avrebbe dovuto partire dal 24 maggio ossia la data in cui La Sirenetta è uscita al cinema: pubblicare tutta la storia “tra i due mondi”, e inserire al suo interno alcuni audio ridicoli piano e voce dal sottoscritto (Gifter).

Invece purtroppo, diversamente da come ricordavo, il racconto ha bisogno di molte più modifiche di quanto mi aspettassi allora sebbene io venga definito “un positivo multitasking”, anche volendo studiare al pianoforte “in fondo al mar” e cantare alla Sebastian con l’accaivvù, difficilmente sarei stato in grado! Pensandola in grande avevo anche valutato la canzone di Ariel “part of your world” ma non mi viene. Ho cantato qualche brano di donne (Hello di Adele è uno) ma per quello della Sirenetta mi ci vorrebbe troppo tempo di studio.

“Cosa vuoi che sia è un brano dei cartoni animati”. Il cavolo! “In fondo al mar” è complicata da suonare e va interpretata nel modo giusto! Non posso farla piatta come fa la Cristina D’Avena col “parimpampù eccomi qua!”

Perciò alla fine parlando con Elettrona abbiamo preferito, di comune accordo, concentrarci sul racconto scritto e sistemarlo il meglio possibile perché va bene satira, ironia, parodia rivolta ai vari polemizzatori dell’Internet. Ma per quanto burloni possiamo essere, non abbiamo alcuna intenzione di metterci volontariamente in ridicolo.

Rispondi