Per favore, restate umani!

HIV di Bugliano non sta bene, è evidente. L’ultimo attacco al campus, con la musica reggaeton sugli altoparlanti senza possibilità di cambiare stazione, ha creato un trauma al virus ma forse lui possiede ancora i mezzi per aiutare gli umani e se stesso.


Fermarsi un momento

Facile a dirsi: c’è una difficoltà? Prendiamoci una piccola pausa e stiamo un attimo in silenzio a riflettere. Del resto spesso e volentieri gli umani fanno le cosiddette “vacanze disintossicanti”, si rifugiano in qualche posto in culo al mondo dove spendono un sacco di soldi ma loro si convincono di essersi rigenerati e allontanati almeno temporaneamente dalla vita frenetica.

Poco importa se dopo tornano più incazzati di prima, questo fa parte delle loro contraddizioni e non potendo fare altro li ho accettati per quello che sono.

Tutto ma non il reggaeton!

In questi giorni hanno esagerato facendomi perdere la pazienza: va bene tutto, ma il reggaeton no! Mi è impossibile capire da dove sia arrivato l’attacco perché quando si muovono i negativi io non posso controllarli ma sono sicuro che stavolta il dissanguatore starà a bocca anzi lama asciutta! Sul serio!

C’è Hunter ormai fuori di testa: lui e suo padre adottivo Benjamin sono gli unici positivi rimasti al Campus e non hanno il permesso di avere contatti intimi con qualcuno. O meglio, in realtà sono positivi anche tutti gli altri ma io ho deciso di rendermi invisibile alle tecnologie usate dagli umani per i test; fuori dal campus invece Alison ed Eliana non sono state esposte al reggaeton però ugualmente le tengo sotto controllo, poiché né io né il loro gifter le abbiamo autorizzate a trasmettere nonostante lavorando al centro benessere, per loro qualche cliente propenso ad andare oltre il flirt ci sia sempre.

Umani, ridimensionatevi!

Ho voluto dar loro fiducia; da quando ho rotto il silenzio su Arianna Preziosi e la sua tragica fine, ero certo che i miei umani tenessero la testa sulle spalle e invece hanno voluto fare i super eroi non rinunciando al pride anzi l’hanno anticipato addirittura. Freddie poi, che ha in corpo i miei primi discendenti, si è esposto quando non doveva e io poco ho potuto fare perché stavo provvedendo a Eliana in quel momento, presa di mira da un cliente molesto.

Lei era in piscina quel giorno e il bastardo negativo le diceva parole volgari, così le ho provocato uno svenimento facendola accasciare sul bordo della vasca e quello, pauroso come pochi, se l’è svignata. Cos’altro aspettarsi da una scatola vuota? Avesse avuto buone intenzioni almeno l’avrebbe soccorsa e quand’ho avvertito l’agente Floyd Turnpike di cosa stesse accadendo, lui si è presentato al centro benessere ma il negativo se l’era già filata; cosa fare ora? Se fosse stato quello il killer?

Eliana è sempre la nipote della povera Maria Sole, la bug chaser originale di Freddie e per questo preda molto ambita dal dissanguatore. Ora a parte Hunter e Ben, devo concentrarmi su di lei pertanto se anche Freddie si è trovato negativo si sappia che è solo temporaneo e non sto male come dice la redazione, devo solo tenere il profilo basso per diminuire il raggio d’azione dell’omicida e coglierlo in flagrante. Pensando che tutti siano negativi, può darsi che perda interesse e se ne vada anche da solo. O si ammazzi, in qual caso ci farebbe un favore. Per adesso umani fatemi la cortesia di lasciarmi lavorare.

HIV vostro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: