Salvo Mondo? Persona vera o presa in giro?

Mondo reale: il 17 luglio 2019 muore Andrea Camilleri, uno degli scrittori che amiamo di più e con cui siamo cresciuti. Il suo celebre Montalbano è finito in modo abbastanza deludente a nostro parere ma rispettiamo l’autore e le sue scelte.

Mondo Positivo: GifterAdri si è messo in contatto con Salvo Mondo, celebre commissario di polizia siciliano. Non l’abbiamo chiamato Montalbano per il troppo rispetto che abbiamo verso Camilleri, ma con la volontà comunque di omaggiarlo in qualche modo; il paese fittizio da cui proviene si chiama Bugliano Siculo. Gioco di parole doppio, “siculo” è un altro modo per dire “proveniente dalla Sicilia” ma “bug Lì Ano, sì Culo” pensiamo si commenti decisamente da sé.

Anche Salvo Mondo è un gioco di parole poiché Mondo è un cognome esistente in Sicilia e associato al nome Salvo ha quasi i super poteri.

Consapevole del nome che porta e della propria celebrità, Salvo Mondo ha atteggiamenti poco piacevoli all’inizio verso la comunità positiva ma nel futuro si dimostrerà un ottimo alleato, malgrado non abbia il virus e appena conosce HIV di Bugliano ne sia intimorito.


GifterAdri: accoglienza

“Agente La Scala? Qui Salvo Mondo. Vorrei avvisarLa che ho sbagliato aereo quindi cambiamo programma…”

La telefonata è giunta nel momento meno opportuno, ci mancava solo questa; già la mia auto ha l’aria condizionata che non va, sono imbottigliato nel traffico per l’aeroporto e questo neanche mi fa capire se è arrivato o no? Vorrei mandarlo a quel paese ma Floyd Turnpike mi appoggia una mano su un ginocchio. “Calmo, stai calmo Gifter. Sarà il solito atteggiamento da prezioso! Ci farà sapere quanto prima cosa vuol fare, vedrai!”

Meglio chiudere la comunicazione e tornarsene al CampusIBUOL, al fresco. Anzi forse dovremmo annullare la prenotazione del pranzo e aspettare ulteriori notizie dal Mondo.

Detto, fatto; tempo un quarto d’ora arriviamo dritti al campus. Una doccia con ricarica del virus inclusa e poi, giusto per non farci mancare niente, io e Floyd siamo corsi al Papero Offeso per un colazionpranzo coi fiocchi.

Al Papero Offeso nessuno è vestito a lutto dopo la morte del povero Luca, sono tutti al lavoro come niente fosse: Jessika Filibui corre come una matta, al solito; i sommelier Piersilvio e Chanel idem, gli altri camerieri invece sono tutti agitati e stanno servendo a un tavolo… Il NOSTRO, tavolo.

Salvo Mondo è là seduto composto, con un calice di vino e alcuni stuzzichini davanti. Da solo e coi camerieri che ogni tre per due gli chiedono se va tutto bene. “Scusi”, mi avvicino e mi presento; “sono Adriano La Scala. Adri per gli amici. Me lo poteva dire che era già qui!”

Anche Floyd Turnpike gli stringe la mano, lui molto più bravo di me a nascondere il nervosismo. Salvo non parla, sembra scontento degli stuzzichini. “Lasciali a noi”, gli propone Floyd dandogli del tu; “riconosciamo che dove abiti tu la cucina è diversa. Credimi, ci ho messo tanto anch’io ad abituarmi ma sono partito avantaggiato, essendo americano e mangiando schifezze da una vita”.

“Però il pesce a casa mia è migliore! Questa è roba andata a male!” Non lo so; portare Salvo Mondo a mangiar fuori sembra un’impresa titanica. Forse si fa prima a offrirgli un caffè preparato con la moka davanti ai suoi occhi.


Floyd Turnpike: Ma ti chiami davvero Salvo Mondo?

Che noia quando uno è ospite e si lamenta del cibo; se solo aspettava noi, l’avremmo consigliato in modo adeguato su cosa ordinare!

“Ho preso l’aereo prima”, ci spiega Mondo; “e pagato un taxi che mi portasse al papero offeso. Pensavate io avessi bisogno di voi? Il commissario Mondo sono, e ho preso tutte le informazioni per arrivare anche senza aiuto.”

Io e Adri lo guardiamo negli occhi mentre di malavoglia mangia il suo nutriaburger; spiace sia arrivato così presto, conoscendo i suoi gusti per il pesce l’avremmo portato alla nuova Bugliano Salad appena ci sarebbe stata l’inaugurazione.

Difficile smettere di guardarlo, è davvero fisicamente identico spiaccicato al suo collega letterario Montalbano tant’è vero che lo scambiano tutti per lui e siamo noi a mandar via i camerieri e gli altri clienti che gli chiedono l’autografo.

“Montalbano è mio padre, è questa la spiegazione per la nostra somiglianza. Anche se non ci volete credere.”

Sicuramente non gli crediamo, abbiamo letto tutti i libri del compianto Andrea Camilleri e ci risulta che Salvo Montalbano non abbia avuto figli anzi addirittura quello che avrebbe dovuto adottare è finito in un’altra famiglia.

“Infatti non è mio padre in quel senso; la cosa è complicata da spiegare, da dove inizio?”

Inseminazione artificiale, adozione difficile, madre surrogata, cos’altro? Io e Adri ci guardiamo l’un l’altro con un sorriso malizioso; se già spiegare la nostra discendenza virale non sarà semplice vogliamo vedere cosa c’è più complicato di così!

“Vedete, io ho respirato Montalbano, praticamente. Questo è solo il riassunto ma non saprei come spiegarvelo in altro modo!”

Adri ride e con le dita mi stringe una spalla; una cosa più strana di quella non si poteva sentire, cos’ha fatto? Ha odorato i libri di Camilleri fino a che il personaggio gli è entrato in corpo?

“No, dovreste aver letto l’ultimo libro del maestro: Camilleri ha fatto in modo che Montalbano e il paesaggio intorno a lui sparissero. Così. Cancellati nel vento. Ecco, quando c’è stata la folata io ero nella casa di fronte, in un paese che ormai non aveva più nome né identità. Bugliano Siculo è nato da quell’episodio e io, che all’epoca (2005) avevo solo 16 anni, da un giorno all’altro mi sono trovato invecchiato. Immaginate lo shock!”

Credo bene! Però un conto è trovarsi con quarant’anni di più, brutti e pieni di acciacchi; altra storia è quando guardandosi allo specchio ci si rende conto di essere diventati nientemeno che Salvo Montalbano!

“Beh, sì. Fino a poche ore prima ero Salvatore Del Mondo, un ragazzino sognatore che voleva dare un senso al proprio nome e cognome; figuratevi che mia madre quando mi ha visto ha pensato fossi un predatore sessuale! Credeva avessi rapito suo figlio!”

Già vista una scena del genere, c’era in un film con Tom Hanks. Big, si chiamava; bambino che diventa improvvisamente grande per un qualche trucco di magia.

“Solo le divinità possono trasformarsi respirando l’aria, significherà pure qualcosa! Io sono un DNA superiore!”

A quel punto Adri non riesce più a resistere alla provocazione e mostra orgoglioso il suo medaglione col biohazard e, sul display dello smartphone, il suo risultato positivo al test HIV.

“Qui il DNA superiore sono io”, si alza in piedi guardando tutte le persone presenti al Papero Offeso. “E l’agente Turnpike qui presente è uno dei miei discendenti virali. Praticamente Floyd per me è come se fosse un figlio, senza tante complicazioni mistiche come le tue. Serve che ti faccia il disegnino per spiegarti come funziona la conversione?”

“Ma dove minchia sono capitato”, si lamenta Salvo, tentato di uscire; “io adesso prendo il primo aereo e me ne vado. Arrangiatevi da soli visto che siete DNA superiori.”

Assolutamente no, Salvatore Del Mondo o Salvo Mondo come ti chiami; adesso tu pigli e lavori con noi, imparerai a conoscere anche il nostro virus e smetterai di averne paura! La tua sierofobia non ti porterà lontano, meglio se ti regoli di conseguenza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: